Brixia. Roma e le genti del Po

Santuario Repubblicano a Brescia
Arte e battaglie così nacque la prima Italia
Quasi cinquecento reperti raccontano una vita culturale vivace che formò anche poeti come Virgilio e Catullo

Giuseppe M. Della Fina, “La Repubblica”,  9 maggio 2015
LA MOSTRA Brixia. Roma e le genti del Po presenta un filo rosso costituito dalla documentazione archeologica: un mondo di oggetti, rinvenuti per caso o a seguito di scavi programmati (alcuni recentissimi), che riesce a fornire un’idea concreta sui tempi e i modi della romanizzazione dei Liguri, dei Celti e dei Veneti ovvero di alcuni dei popoli che costituirono il mosaico etnico e culturale della prima Italia.
Opere d’arte o semplici utensili che — seppure con una forza diversa — riescono a parlare di uomini e donne che si scontrarono e incontrarono riuscendo a trovare un equilibrio pienamente soddisfacente e destinato a durare per secoli.
Una storia che iniziò sul campo di battaglia di Sentino (presso Sassoferrato, nelle Marche attuali) dove un esercito costituito da Celti, Etruschi, Umbri e Sanniti affrontò quello di Roma e dei suoi alleati in uno degli scontri più sanguinosi dell’Italia antica: 100.000 sarebbero stati i morti per lo storico greco Duride, 25.000 per Tito Livio. Un’intera generazione venne segnata da quella battaglia: una parte consistente vi cadde, un’altra ne portò i segni, o il triste ricordo.
Una vicenda che proseguì su un altro campo di battaglia nei pressi di Talamone, in Toscana, dove un esercito composto da diverse tribù celtiche (Boi e Insubri alleati con Taurisci e Gesati) venne circondato e distrutto da quello romano settant’anni dopo Sentino. Una rivoluzione — la romanizzazione — i cui esiti finali furono, comunque, “campi arati da orefici” ricorrendo a una definizione di Pier Paolo Pasolini; città degne di nota come suggeriscono, tra l’altro, proprio i monumenti di epoca romana di Brescia (il Capitolium, il teatro, alcune domus) valorizzati negli ultimi anni, o le collezioni stabili del Museo di Santa Giulia; una vita culturale vivace nel cui ambito si formarono poeti latini di primo piano: Catullo e Virgilio, su tutti.
Lungo il percorso espositivo, articolato in dodici sezioni, il racconto di questo incontro di culture è affidato a quasi 500 reperti. Tra essi spicca sicuramente il frontone di Talamone fatto realizzare dai vincitori per celebrare — ancora decenni dopo — lo scontro del 225 a. C. valutato come decisivo per l’espansione nella Valle Padana.


L’opera realizzata in terracotta rappresenta il mito dei Sette contro Tebe: ai lati sono i carri da guerra di Anfiarao, trascinato agli Inferi, e di Adrasto, in fuga dalla battaglia, entrambi accompagnati da demoni e furie; in posizione centrale, in basso, si trova Edipo tra i due figli morenti, Eteocle e Polinice: il primo è sorretto dalla madre Giocasta, l’altro da un compagno d’armi; il vertice del frontone è occupato da Capaneo raffigurato nel tentativo di scalare le mura della città con accanto altri due guerrieri e una portatrice di fiaccola. Sullo sfondo del frontone, in secondo piano, sono altri guerrieri. Il mito dei Sette contro Tebe , riproposto in chiave simbolica, alludeva al fallimento dell’attacco ad una città e alla sua forza sociale, militare e culturale. Tebe, quindi, come Roma e viceversa.
D’impatto minore, ma altrettanto significativa è la stele di Ostiala Gallenia proveniente dall’area veneta: l’epigrafe è in latino, le due figure maschili indossano tunica e toga, mentre la donna è raffigurata ancora nel suo costume venetico.

Un altro reperto attrae l’attenzione: si tratta di un grande ciottolo di fiume che reca un’iscrizione tracciata in maniera non curata e su una sola riga: vi si ricorda il consolato di Marco Tullio Cicerone nel 63 a. C., nell’anno della congiura di Catilina.

Quelle antiche civiltà che incrociavano Roma sulle rive del Po
Da oggi al Museo Santa Giulia di Brescia un percorso archeologico e multimediale sugli scambi tra la Repubblica e i popoli del nord
Marino Niola

Il Po ha un’anima e la gente di fiume la conosce bene. È la vox populi che scorre e si rincorre dalle Alpi al mare. Diramandosi tra correnti e affluenti, campagne rigogliose e popoli ingegnosi. Quelli che nei secoli hanno dato vita alle civiltà che sono nate da queste acque generose. E che ne hanno mutuato il carattere. Forza tranquilla e perseveranza incrollabile, senso pratico e visionarietà poetica. Quella di Cesare Zavattini e di Enzo Ferrari. Di Carlo Emilio Gadda e di Ermanno. Olmi. Per non dire del sommo Virgilio mantovano.
Per risalire verso le sorgenti materiali e spirituali dell’ethos e dell’etnos padani la Soprintendenza Archeologia della Lombardia, con la Direzione Generale Archeologia del Mibact e il Comune di Brescia e Brescia Musei organizzano la mostra intitolata Roma e le genti del Po. Un incontro di culture. III-I secolo a. C. (Museo di Santa Giulia, Brescia, da oggi al 17 gennaio 2016) con la coproduzione di GAmm Giunti, che pubblica anche il catalogo.
In realtà quello fra l’antica Roma e gli abitanti del grande fiume è stato un incontro epocale, destinato a disegnare con un tratto indelebile il profilo dell’Italia. Fra paci e guerre, colonizzazioni e ribellioni. Fondazioni e distruzioni di città. Scambi di conoscenze e rivoluzioni territoriali. Come le centuriazioni augustee che hanno lasciato un segno decisivo nel paesaggio agrario padano, assieme a tutti quei disboscamenti e bonifiche che hanno messo a coltura queste terre. Il risultato è quell’immensa distesa produttiva che Napoleone definiva la pianura più feconda del mondo. Solcata da grandi strade consolari, come la via Emilia, che scorre anche lei come un fiume di pietra attraversando presente e passato di questo straordinario intreccio di epoche e di culture. Che spiana il tempo nello spazio, la durata nella distesa. Ci sono luoghi dove la stratificazione è verticale, pietra su pietra, ricordo su ricordo. Dove la storia prende l’aspetto immemoriale di una geologia. E luoghi come la Pianura padana dove invece la stratificazione è orizzontale, e le tracce delle epoche differenti si dispongono le une accanto alle altre, in itinerari spaziali percorribili. Allineando, come suggerisce questa mostra, reperti preistorici, elmi italici, manufatti camuni, falere celtiche, bronzi veneti e affreschi romani, mosaici bizantini e sculture romaniche. In fondo il mormorio lento del Po ci ricorda che la storia stessa ha l’andamento e il comportamento del fiume. Ora impetuoso, ora placido, a tratti tortuoso a tratti lineare.
Giovanni Guareschi, creatura fluviale fin nel midollo, amava dire che sul Po accadono cose che non accadono in nessun altro luogo. Anche perché le voci della pianura corrono liquide e trasfigurano le persone, i ricordi, i luoghi, le opere. Li trasformano in personaggi, in epica, in mitologia, in musica. Dalla morte di Fetonte, il figlio del Sole caduto nell’Eridano, antico nome del fiume, al passaggio degli elefanti di Annibale. Dalle gesta di Adelchi ed Ermengarda, eroi della Longobardia manzoniana, alla calata dei Lanzichenecchi, fino a quella delle truppe naziste. Dagli splendori dei Gonzaga che fanno di Mantova un’autentica capitale acquatica, liquida come la polifonia di Claudio Monteverdi e raffinatamente erotica come gli affreschi mitologici di Giulio Romano. Alle meraviglie della Ferrara estense che trasformano in materia architettonica i palazzi incantati delle maliarde ariostesche.
Grande regno del frumento e del latte, diceva Guido Piovene di questa terra. Ma non solo. Perché qui il dolciastro estenuante della barbabietola si mescola all’odore d’acqua scaldata dall’estate, trasformando questa campagna in un’iperbolica anguria che svapora sotto un sole giaguaro. È il miraggio padano, la bellezza narcotica di una pianura totale, dove i borghi, le contrade e le frazioni sono perdute in uno sprofondo vegetale rigato dai canali che saettano tra i campi come bisce e dai mille bracci splendenti, in cui la grande acqua dirama fino ad aprirsi nel ventaglio del delta.
E alla fine del fiume si distendono le valli, oscillanti tra periodi di magra e periodi di grassa, come in un pendolo biblico obbediente al volere del dio liquido. Che le genti del Po hanno imparato a blandire e a pregare. Come Don Camillo, il parroco nato dalla fantasia di Guareschi, che porta il paese in processione per scongiurare la piena. Non senza il sostegno del comunista Peppone. Esattamente quel che ha fatto qualche tempo fa il parroco di Brescello don Evandro Gherardi, che ha portato il Cristo sulla riva del fiume alla presenza del sindaco e delle autorità.
In realtà quella delle genti del Po è una storia colta e popolare, di corti signorili e di lotte contadine, fatta apposta per produrre racconto. In fondo come dice Paolo Rumiz nel suo bel libro Morimondo, un fiume è una narrazione già fatta.
E non a caso il cinema ha sempre amato queste rive e il popolo che le abita. Da Gente del Po, il primo film di Michelangelo Antonioni, a La donna del fiume di Mario Soldati, altro grande cantore della valle del Po, cui dedicò un memorabile viaggio televisivo che resta un esempio insuperato di come si può raccontare una cultura attraverso il cibo che ama. Fino a Riso amaro , di Giuseppe De Santis che risale le correnti dell’immaginario socialista per celebrare l’epopea del lavoro in risaia. Immortalata nell’acuto dissonante e tagliente di cantanti folk come la mondina Giovanna Daffini, la “proletaria che giammai tremò” davanti a nessun padrone dalle belle braghe bianche. Tanto che al suo funerale, quando il prete pronunciò la formula rituale “Signore accogli l’anima della tua serva Giovanna”, il marito sbottò, “Mai fatto la serva a nessuno!”.
Anche se il grande monumento cinematografico del riscatto contadino resta Novecento, il capolavoro di Bernardo Bertolucci, drammatico affresco verdiano che trasforma il patire e il sentire padani in un tratto caratteristico dell’anima nazionale. Proprio come le melodie di Verdi. Che danno parole e musica all’unità del paese. Ecco perché, proprio in quanto italiani, non possiamo non dirci gente del Po.

 
1690 Total Views 1 Views Today
Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwitterpinterest

Facebooktwitteryoutube

About Mrsflakes

Il sito latinorum.tk è nato per accompagnare le mie lezioni dedicate alla cultura latina, per proporre divagazioni "extra ordinem" sulla classicità e per condividere in rete percorsi e materiali. Si tratta di un lavoro in fieri, che si arricchirà nel tempo di pagine e approfondimenti. Grazie anticipatamente a chi volesse proporre commenti, consigli, contributi: "ita res accendent lumina rebus…" Insegno Italiano & Latino al Liceo Scientifico ”G. Galilei” di San Donà di Piave, in provincia di Venezia. Curo anche il blog illuminationschool.wordpress.com e un sito dedicato a Dante e alla Divina Commedia, www.dantealighieri.tk.
This entry was posted in Archeologia, Storia romana and tagged , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento