Torbide vicende da numi

mappa_miti_grecia

Oggi come ai tempi di Omero la violenza bruta è una cifra essenziale degli eventi che narrano l’inizio di questo mondo
Maria Bettettini, “Il Sole 24 ore –  Domenica”, 13 dicembre 2015

Il vento del Nord, Borea, si innamora delle tremila cavalle del re Erittonio, giace con loro, diventa padre di dodici puledre. Crono divora i suoi figli e Zeus ingoia la sposa incinta, Metis (ma poi Zeus divenne marito di Hera, che era anche sua sorella). Per questo Atena nasce dalla testa del padre, preceduta da una forte emicrania. Si sa, le vicende mitologiche non sono mai sdolcinate favole: la narrazione dell’inizio di questo mondo deve raccontare eventi che lo rispecchiano e lo superano, la violenza bruta ne è una cifra essenziale. Lo era ai tempi di Omero, lo è oggi. Oggi che ancora amiamo leggere Omero, Esiodo, Virgilio. Certo, avere una guida per quelle pagine così lontane così vicine, è sempre di grande aiuto. Quando poi la guida scrive bene ed è appassionata, diventa un piacere rileggere di Ulisse e di Achille, di Enea e delle torbide vicende dei numi. Alcuni libri usciti di recente hanno queste caratteristiche. Per esempio quello di Eva Cantarella, che da tempo ci ammalia raccontando storie che in fondo sono sempre le stesse, ma mutano colore col cambiare del punto di vista. L’ultimo lavoro studia il rapporto tra padre e figlio nel mondo greco, il prossimo farà lo stesso per quello latino. Come si diceva, gli antefatti mitologici sono un affresco di efferati eventi da cronaca nera. Neonati divorati o costretti a non nascere, incesti, padri evirati. Con la conquista del potere da parte di Zeus si stabilisce una certa pace, un certo ordine, nel rispetto di parentele e nascite. Traditore seriale, Zeus era tuttavia riconosciuto come giusto giudice, ai tempi in cui anche la Grecia si dava delle regole e scandiva diritti e doveri. Sorsero i tribunali, si scrissero le leggi, si costruì una mitologia comune, fondata sulla trasmissione orale dei poemi omerici. Ancora commuove Ettore che toglie l’elmo per prendere in braccio il suo bambino, spaventato dal cimiero: lo aspetta il duello con Achille, la morte certa. Telemaco, a confronto dell’avventuroso Ulisse, sembra un adolescente svogliato; Fenice racconta di aver sedotto l’amante del padre su ordine della madre. Ma sono eccezioni, i poemi devono educare, quindi presentare esempi di virtù. Nella storia è più difficile incontrarne, per esempio Alcibiade non dava certo retta a Pericle, suo zio e tutore.
Il libro di Cantarella prosegue poi studiando i padri raccontati dalle tragedie e dalle commedie, aggiungendo agli scarni dati mitologici aperture su temi molto dibattuti, come l’influenza dei costumi orientali, la trasmissione scritta e orale del sapere, il maschilismo che legalmente trasformava i padri in tiranni. Non è tutta bella né tutta cattiva, la cultura dei Greci, e dove leggiamo di un figlio ben poco affettuoso verso il padre, scorgiamo anche l’uomo che ci ha permesso di capire la nostalgia, parte costitutiva del nostro essere nel mondo. Ulisse infatti non ha grandi attenzioni per Laerte, però incarna con la sua vita l’insoddisfatto ed eterno vagare della nostra anima. Lo spiega bene Barbara Cassin in un libro che presenta un’altra possibile lettura del mondo antico, seguendo il tema della nostalgia. Ulisse è l’uomo che soffre per un ritorno a casa continuamente differito (nostalgia è infatti “dolore del ritorno”), che soffre anche nel ritorno, perché non viene riconosciuto e non riconosce, non subito, e soprattutto perché dopo la battaglia contro i Proci potrà godere ben poco della sua casa, della sposa, del letto scolpito in un albero antico. Come gli ha annunciato Tiresia negli Inferi, il re di Itaca deve subito ripartire, andare lontano dove non si conosce il mare, quindi il cibo è insipido e gli uomini confonderanno un remo per uno strumento agricolo. Là onorerà Poseidone, il dio del mare con cui è in lotta da quando gli ha accecato il figlio Polifemo, e poi potrà di nuovo tornare a casa. Ma noi sappiamo che non tornerà.
Molto diverso dal quasi divino Ulisse, dal mondo dove gli dèi sono simili ai mortali e a loro si mescolano, il pio Enea a sua volta affronta molte peripezie non per tornare in patria, ma per fondarne una nuova. Il vecchio padre che si porta sulle spalle e che sopravvive a parte del viaggio è tutto ciò che Enea ha con sé di Troia distrutta. In Lazio deve mescolare il suo sangue con quello latino, perché il suo discendente Romolo possa fondare Roma. Giunone non lo perseguiterà più, a patto che accetti di parlare solo la lingua latina, in una nuova patria di un nuovo popolo. Interessanti anche le riflessioni di Cassin sulla lingua come patria, applicate al caso specifico di Hanna Arendt e della lingua tedesca, l’unica appartenenza che sentisse sua. Infine, un brevissimo curioso saggio, in cui si presenta la diffusa credenza antica della capacità del vento di rendere gravidi alcuni animali, come i cavalli e gli avvoltoi. Omero diceva essere Zefiro il padre dei cavalli velocissimi Xanto e Balio, Aristotele dedusse questa legge di natura dall’osservazione degli uccelli e dei loro nidi. Qualche teologo riprese la credenza per rendere meno miracoloso il concepimento della Vergine per il soffio dello Spirito. Come se rispetto alla maternità di una vergine fosse più facile da accettare il vento del Nord che giace con le sue tremila cavalle.

Troy W. Martin, Il vento fecondo. Gravidanze insolite nel mondo antico, trad. it. R. Fabbri, EDB, Bologna, pagg. 56

Eva Cantarella, Non sei più mio padre. Il conflitto tra genitori e figli nel mondo antico, Feltrinelli, Milano, pagg. 156

Barbara Cassin, La nostalgia. Quando dunque si è a casa? Ulisse, Enea, Arendt, trad. it. A.C. Peduzzi, Moretti&Vitali, Bergamo, pagg. 98

1607 Total Views 1 Views Today
Print Friendly, PDF & Email
Facebooktwittergoogle_pluspinterest

Facebooktwittergoogle_plusyoutube

About Mrsflakes

Il sito latinorum.tk è nato per accompagnare le mie lezioni dedicate alla cultura latina, per proporre divagazioni "extra ordinem" sulla classicità e per condividere in rete percorsi e materiali. Si tratta di un lavoro in fieri, che si arricchirà nel tempo di pagine e approfondimenti. Grazie anticipatamente a chi volesse proporre commenti, consigli, contributi: "ita res accendent lumina rebus…" Insegno Italiano & Latino al Liceo Scientifico ”G. Galilei” di San Donà di Piave, in provincia di Venezia. Curo anche il blog illuminationschool.wordpress.com e un sito dedicato a Dante e alla Divina Commedia, www.dantealighieri.tk.
This entry was posted in Mitologia and tagged , , . Bookmark the permalink.